PAPA CELESTINO V: LA DISTANZA DEL SUO PAESE NATALE DA CASTEL DI SANGRO.

Ho ricevuto un interessante commento sulla localizzazione e la identificazione del paese natale di papa Celestino V in base alla sua distanza da Castel di Sangro che fu la meta del suo primo viaggio.

Marini nella sua biografia pubblicata nel 1630 ci dà un indizio molto importante per quella localizzazione ed identificazione: la “patria” di Pietro di Angelerio era distante da Castel di Sangro 1 giorno intero di cammino più un altro giorno fino all’ora nona, circa le ore 15, tempo che grosso modo può coprire una distana di 60-70 km..

L’autore del commento localizzava ed identificava nel Castello di Sant’Angelo di Ravecanina in provincia di Caserta il paese natale del santo papa perchè dista 62 km. da Castel di Sangro, distanza che si copre a piedi, secondo i dati Glooge, in 13 h. e 5 m. .

Sant’Angelo Limosano, altra candidata ad essere il paese natale, dista da Castel di Sangro 65 km. per un tempo di percorrenza di 13 h. 32 m. .

Volendo usare un termine calcistico i due paesi hanno pareggiato!

Occorre  prendere in considerazione altri indizi. 

Stefano di Lecce, tra il 1471 e 1474 , scrisse:  Pietro di Castel Sant’Angelo, contado di Molise, vicino a Limosano e precisò: Santa Maria in Faifolis, vicino al castello di Limosano e al territorio di Sant’Angelo, di dove lui stesso era originario. 

Marini, circa 200 anni dopo scrisse: Io tengo per certo che Pietro vivendo ancora la Madre, d’anni sedici in circa pigliasse l’habito e l’ordine di San Benedetto in qualche Monastero più vicino alla sua patria, il qual forse fù quello di Santa Maria in Faifoli nella Diocesi di Benevento, dove egli poi fù fatto Abbate.

Ed aggiunse: E ciò supponendo per certo, dico col Fabro, che pigliò l’habito nel Monastero di Santa Maria in Faifoli posto nella Diocesi di Benevento, che forse era il più vicino alla sua patria, & alcuni manoscritti hanno in altra occasione, che era nella Provincia, d’onde egli era oriondo. …. Et essendo quel Monastero il più vicino alla sua patria, nella quale egli stette, finche si ritirò alla solitudine, non si può argomentare che pigliasse l’habito altrove. 

Ritengo che i due biografi, senza citare le altre biografie più antiche , non avessero alcun interesse a favorire Sant’Angelo Limosano.   A proposito: Isernia è fuori gioco!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: