I PERCORSI VIARI NELLA “TABULA PEUTINGERIANA”: quando Baranello era “canales”.

(V) quando Baranello era canales.  

 

 La T. P. indica sulla via da Bobiano/Bojano a teneapulo/Teano degli Apuli/San Paolo di  Civitate una mansio o una mutatio denominata adcanales a XI. m.p., pari a circa 16, 280 km. (XI. m.p. x 1, 480 km.) da Bobiano/Bojano. 

 Le VIII. m.p. scritte alla ds. di ad pyR/Campolieto non indicavano la sua distanza da adcanales, ma  quella da un incrocio “anonimo”, corrispondente all’odierna località Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile o contrada Feudo. (vedi: (II). La località posta a VIII. m.p. da ad pyR.)

 La T. P.  ha ”ignorato” il nome che aveva all’epoca l’incrocio e la sua distanza da adcanales che, per il metodo adottato, doveva essere scritta alla sn. di adcanales: la localizzazione  e la identificazione possono essere scoperte solo con: 1.) la distanza di  XI m.p. da Bobiano/Bojano (le “due torri”); 2.) la direzione del tratturello che dal Matese si dirigeva verso nord-est per raggiungere l’odierna località di Centocelle e 3.) l’esistenza del toponimo canales lungo il percorso.

 Allo stato odierno dei luoghi risulta difficile trovare le tracce del tratturello Matese-Cortile-Centocelle nel tratto da Bojano alla Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile o alla contrada Feudo: l’opera dell’uomo, i terremoti, le frane e le alluvioni molto frequenti in questa zona, hanno modificato nel tempo l’assetto del territorio.  

Il tracciato (b: ciò che resta del tracciato del tratturello) dell’antico tratturello è ben visibile solo tra la Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile e l’incrocio di Centocelle: più volte si affianca, si allontana, si interseca o si integra con la S. S. 87 o con la via ferroviaria da Campobasso a Termoli.

 E’ certo che la via (b) per teneapulo/Teano degli Apuli/San Paolo di Civitate, disegnata nella T. P.,  partiva da Bobiano/Bojano sito sulla via consolare Minucia e sul percorso del tratturo Pescasseroli-Candela (a) ed adcanales era localizzata  a XI m.p., pari a circa 16, 280 km. (XI m.p. x 1, 480 km.) in direzione nord-est (rosso), la stessa del tratturello denominato Matese- Cortile-Centocelle (b);

 la T. P. riporta la distanza di VIII m.p. tra l’incrocio “anonimo” (Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile o Contrada Feudo) e quella di VIIII m.p. tra la località Centocelle e Geronum/Gerione/Casacalenda. (vedi: (IV). La località posta a VIIII. m.p. da Geronum.)

L’esistenza della via è confermata da alcune testimonianze: all’ingresso est di Bojano, nei pressi della chiesa di santa Maria del Parco dove era ubicata l’omonima porta di accesso alla città medioevale, una targa ricorda Porta Termoli: una strada, direzione nord-est, conduceva verso la città della costa adriatica.

Una via che copriva la distanza di XI m.p./16, 480 km. da Bobiano/Bojano: esiste una la località che conserva ancora oggi il toponimo canale?

 Un’antica mappa evidenzia il percorso che si origina dal tratturo Pescasseroli-Candela (a): all’inizio del percorso è denominata via da Bojano a Campobasso (b); successivamente, per un lungo tratto che attraversa anche il territorio di Baranello, è denominata strada comunale per Campobasso e, seguendo la direzione nord-est, costeggia la riva destra del fiume Biferno (f.B.) e la localtà Limate fino al Ponte del Comune dove il torrente Quirino confluisce nel fiume Biferno. Risalendo verso Baranello con alla ds. il Colle Sterparone, Fonte Polo e Calvario, giunge alla località denominata Canale o contrada Canale di Baranello.

 Al di là della confluenza del torrente Quirino con il fiume Biferno, le mappe catastali riportano il tracciato di tre strade: la prima è denominata Strada Piana dell’Arciprete che costeggia la riva destra del Biferno; la seconda, che  si origina dalla strada (b) che parte da Bojano, è denominata strada comunale tratturo; la terza è la strada comunale per Campobasso, descritta in precedenza, che inizia da Bojano e dopo aver attraversato il territorio di Baranello in direzione nord-est per Campobasso (d), giunge a Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile o la contrada Feudo.

             

I territori tra Bojano (inizio della via disegnata nella T. P.), Colle d’Anchise (nel cui territorio esiste la strada denominata  strada comunale tratturo), Baranello (località Canale o Contrada Canale), Campobasso  (contrada Feudo) e Ripalimosani (Taverna del Cortile o Contrada Taverna del Cortile), posti sulla direttrice nord-est, permettono di localizzare ed identificare (ad)canales; il toponimo canale più volte è ricordato nei confini comunali di Baranello per evidenziare le emergenze idrografiche: strada comunale Piana Canale, Fosso Canale, contrada Canale e Fonte Canale su monte Vairano/AQUILONIA.

Le testimonianze: 1.) tratturo della strada in territorio di Colle d’Anchise); 2.) strada comunale per Campobasso, che si origina da Bojano, testimoniano che esisteva un percorso tratturale da Bojano a Baranello (il tratturello Matese-Cortile-Centocelle); 3.) la strada che da Baranello si dirige verso Campobasso  e la Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile o la Contrada Feudo; 4.) la località denominata  Canale e Contrada Canale, nonchè la fonte Canale su monte Vairano/AQUILONIA, permettono di localizzare e di identificare il toponimo canales scritto nella T. P., unicamente nel territorio di Baranello.   

              

La strada comunale tratturo  (C), pertinente al territorio di Colle d’Anchise, per la sua specifica denominazione, potrebbe avere adottato il tracciato dell’antico tratturello Matese-Cortile-Centocelle che, denominato più a nord-est strada comunale per Campobasso(b), raggiunge dapprima Fonte Fredda e, successivamente, Fonte Garile e Fonte San Nicola, fino all’odierna località denominata Canale-Contrada Canale di Baranello.

La lunghezza del percorso da Bobiano/Bojano a CanaleContrada Canale di Baranello è di circa 9, ooo km. (pari a VI m.p. x 1, 480 km. = 8, 880 km.), mentre la T. P. propone XI m.p., ossia 16, 280 km., una differenza  di 7, 280 km..

Il percorso che parte da Bobiano/Bojano può essere utile per localizzare ed identificare canales?

 Lo studio del prof. Radke sulle Viae publicae Romanae risponde alla domanda: In tutti gli Itinarari conservati i dati numerici sono molti incerti e variano nei singoli manoscritti, perché era facilmente scambiabili specialmente V e X; quindi nella T. P.  le XI./16, 280 km. potrebbero essere VI m.p./8, 880 km. (percorso b): nell’uno e nell’altro caso il percoso iniziava da Bojano e si sviluppava nel territorio di Baranello dove era sita la mansio o la mutatio romana canales.

Le VI m.p./8, 880 km. localizzano ed identificano canales con la località Canale-Contrada Canale, di Baranello posta alla  distanza di 9, 000 km. da Bojano.

Se corrispondono alla realtà le XI. m.p./ 16, 280 km. della  T. P., partendo da Bobiano/Bojano, la romana canales si localizza e si identifica sempre nel territorio di Baranello: su monte Vairano dove esiste la Fonte Canale e l’antico sito pentro di AQUILONIA.  

La differenza tra la distanza di XI m.p./16, 280 km. della T. P. da Bobinao/Bojano a adcanales/Fonte Canale/Monte Vairano e la distanza di 9, 000 km. da Bojano a Canale/Contrada Canale risulta essere di 7, 280 km. (16, 280-9, 000) che corrispondono alla lunghezza del percorso da Canale-Contrada Canale alla Fonte Canale sita su monteVairano/AQUILONIA.

  Si evince l’esistenza della via da Bobiano/Bojano a adcanales/Baranello che nel corso dei secoli, pur conservandone la direzione, ha mutato frequentemente il percorso, ma ha sempre conservato e rispettato la distanza di XI. m.p..

 L’errore di trascrizione di VI m.p. o  XI. m.p,, è ininfluente per identificare canales: Canale-Contrada Canale e la Fonte Canale di monte Vairano/AQUILONIA sono nel territorio di Baranello.

Baranello si formò nel passato per l’esistenza della mansio o della mutatio di canales, dopo la conquista di AQUILONIA da parte dei Romani nel 293 a.C. e  per l’abbandono degli altri insediamenti dislocati nel territorio.

Tutta la zona compresa tra Bobiano/Bojano, adcanales/Baranello ed AQUILONIA/monte Vairano è ricca di reperti archeologici che testimoniano la sua frequentazione e la sua destinazione, oltre che industriale, a scopo preminentemente agricolo per la migliore esposizione climatica.

 Colle Sparanise: probabile area sacra del periodo ellenistico.

Quadri: frammenti di ceramica a vernice nera del II-I sec. a. C. e tracce di una costruzione.

 Colle del Medico: due sculture in pietra rappresentanti una figura femminile ed un Ercole, nonché un terrazzamento in opera poligonale e reperti in ceramica che testimoniano la frequentazione del sito tra il IV e I sec. a.C..

Le località citate si collocano su una direttrice viaria che da Bobiano/Bojano, dopo VI m.p. raggiungeva la località Canale/Contrada Canale di Baranello e, successivamente, dopo altre V m.p. la Fonte Canale di AQUILONIA/monte Vairano (VI + V = XI) dove sono stati trovati i resti di una fornace che, scrive il prof. De Benedittis, si colloca lungo il declivio che da quella fonte si distende verso Baranello.

 Perché Bobiano/Bojano era collegata con canales/Baranello? 

 Gli insediamenti di questi due centri hanno avuto nel passato in comune le fornaci per la lavorazione dell’argilla da cui produrre i tegoloni per uso edile ed altra utensilaria per uso domestico; una tradizione che esiste tuttora in forma industriale.

 L’antico collegamento tra Bojano e Baranello è confermato dalla esistenza di una strada denominata  S.P. 49 di Bojano-Baranello (c) che copre una distanza di circa 15, 278 km., inferiore di 1, 002 km. alle XI m.p. (XI m.p. x 1, 480 km.) pari a 16, 280 km.; sotto Colle d’Anchise segue per un breve tratto la riva sn. del fiume Biferno e dal mulino Corona (località detta Coscia del Ponte) per risale la collina fino a Baranello. 

Da Baranello per raggiungere la Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile o la contrada Feudo,  la  S.P. 49  di Bojano-Baranello prosegue con la denominazione  S. P. 53  Sannitica (d) e, passando per Taverna Vecchia arriva a Campobasso per proseguire verso la Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile o la contrada Feudo.

Il tratturello Matese-Cortile-Centocelle, dopo aver attraversato il territorio di Baranello (Canale/contrada Canale- Fonte Canale/Aquilonia/monte Vairano) nel territorio di Campobasso  avrebbe potuto utilizzare 4 percorsi  (1-2-3-4) per raggiungere l’odierna contrada Feudo, dove è stata scoperta una “pietra miliare”, o la Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile. 

 

Dove si localizza e si identifica l’incrocio tra le due vie della T. P. realizzate seguendo i percorsi del tratturello Matese-Cortile-Centocelle e del tratturo Castel di Sangro-Lucera? 

Il toponimo Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile si accredita per  aver dato il nome alla prima parte del tratturello ed alla località sita del comune di Ripalimosani; ma la scoperta di una “pietra miliare” (De Benedittis) nella contrada Feudo di Campobasso,  sposterebbe sì l’incrocio, ma confermerebbe l’esistenza della via romana che collegava Bobiano/Bojano con teneapulo/Teano degli Apuli/San Paolo di Civitate.

 La “pietra miliare” porta incise le distanze: CXXXXVII m.p., pari a 217, 50 km. e XXI m.p., pari a 31, o8 km..

 Le CXXXXVII m.p./217, 50 km. indicano la distanza dalla città di Roma: partendo dal luogo del ritrovamento fino a Bobiano/Bojano (percorso b), percorrendo la via Minucia (a) fino ad Isernia e proseguendo per un’altra via  (?) fino a Venafro da dove la via Latina  giungeva Roma, si ha un totale di 226, 00 km. (Google); una differenza di soli 0, 850 km..

 Le XXI m.p./31, 08 km. indicano la distanza della “pietra miliare” da Geronum/Gerione/Casacalenda che oggi è pari a 29, 50 km., una differenza di soli 0, 158 km..

 La contrada Feudo dista da ad pyR/Campolieto 11, 800 km. (Google) inferiore di 40 mt. alla distanza di 11, 840 km. (VIII m.p.) riportata nella  della T. P..

 Se la “pietra miliare” fosse stata posta nella odierna contrada Feudo in occasione della realizzazione della via e non collocata in epoca successiva, ed avendo la T. P. omesso la distanza di adcanales/Baranello dall’incrocio “anonimo” disegnato prima di ad pyR/Campolieto, l’incrocio della T. P.  si localizza e si identifica nella contrada Feudo di Campobasso.

   Il percorso da Bobiano/Bojano dopo XI m.p.  (distanza giallo) raggiunge adcanales/Baranello/AQUILONIA/monte Vairano; prosegue verso contrada Feudo o verso la Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile poste a VIII m.p. (distanza gialla) da ad pyR, località che si raggiunge  utilizzando ciò che resta dell’antico tracciato (verde) del tratturello fino a Centocelle, una località non citata nella T. P.;  da quì si possono ipotizzare 2 percorsi (trattino rosso) per arrivare a Geronium distante VIIII m.p. (giallo). 

La ricostruzione del percorso (rosso) tra Fonte Canale/AQUILONIA/monteVairano, la contrada Feudo (località del ritrovamento della “pietra miliare”) e ad pyR  distante VIII m.p., per la sua forma “arcuata” richiama il disegno origina della T. P. e giustifica anche la via “anonima” (1 nero) disegnata a forma di “L” capovolta che collegava FAGIFULAE/MONTAGANO con la località “anonima” che dovrebbe corrispondere alla Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile o, più probabilmente, alla Contrada Feudo dove è stata scoperta la “pietra miliare”.

Allo stato odierno dei luoghi risulta difficile trovare il percorso originale della via che univa Bojano a San Paolo di Civitate e realizzata seguendo il tracciato del tratturello Matese-Cortile-Centocelle: l’opera dell’uomo, i terremoti, le frane, le alluvioni molto frequenti nelle zone di pianura, nonché le modifiche che nel corso dei secoli hanno adeguato la via alle esigenze dei mezzi di trasporto, riducendo o aumentandone di qaulche miglio la distanza tra le località interessate.  

Il percorso odierno tra Bobiano/Bojano, adcanales/Baranello, ?/Taverna del Cortile o contrada Feudo, ad pyR/Campolieto e ?/Centocelle si caratterizza per l’esistenza lungo il tracciato di alcuni edifici religiosi dedicati alla Vergine Maria, ubicati a nord, nord-est  del percorso del tratturello Matese-Cortile-Centocelle: la chiesa di s. Maria del Parco presso l’omonima porta medioevale, detta porta Termoli, di accesso a Bojano (lato est); s. Maria a Monte, presso Baranello; s. Maria di Fuori, presso Campobasso; s. Maria della Strada, presso Matrice; s. Maria delle Grazie ed una località denominata Macchia s. Maria, presso Campolieto;  s. Maria delle Grazie con annesso abbeveratorio, presso Villa Centocelle; s. Maria delle Grazie o di Monte Castello, ubicata presso  l’incrocio di Centocelle, nel territorio di Ripabottoni.

Lungo il tratturo Castel di Sangro-Lucera: Santa Maria delle Grazie, presso Castropignano, santa Maria Assunta e santa Maria delle Neve di Ripalimosano. 

Lungo il tratturo Pescasseroli-Candela (via Minucia, oggi S.S. 17) le chiese dedicate alla Vergine Maria si trovano sempre alla sinistra del tracciato: s. Maria delle Grazie di Fòrli del Sannio; s. Maria del Bagno di Pesche; s. Maria delle Grazie di Indiprete; s. Maria di Santa Maria del Molise-Cluturno. 

Il percoso Bobiano/Bojano)-adcanales/Baranello- ?/Cortile o contrada Feudoad pyR /Campolieto – ?/Centocelle evidenzia un’altra peculiarità: in prossimità dei principali luoghi di sosta e di rifornimento indicati in modo chiaro nella T. P.: adcanales e ad pyR, o di cui è stato possibile scoprire l’esistenza: Taverna del Cortile/Contrada Taverna del Cortile o la contrada Feudo e Centocelle, si è sviluppata una urbanizzazione più o meno importante legata anche alla presenza delle loro rispettive stazioni ferroviarie: adcanales/Baranello, Cortile/Ripalimosani, ad pyR/Campolieto e Centocelle/Ripabottoni. 

Oreste Gentile.

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: