MONTEFALCONE NEL SANNIO non è “MARONEA”.

 

mmmm

Montefalcone nel Sannio. Territorio a confine tra i Sanniti Pentri ed i Sanniti Frentani.

Uno dei tanti esempi di come si origina la < sindrome viteliu >.

“”Sul Rocchetta, in una piccola località detta con voce dialettale “Marinera”, si vedono gli avanzi di antiche mura pelasgiche, […]. L’aspetto solenne e venerando di esse, l’inespugnabilità antica del sito, e la fonìa della voce “Marinera” attrassero l’attenzione e l’interessamento dei topografi, dei cultori di memorie patrie e degli archeologi -fra cui il Romanelli e il Corcia-  i quali credettero riscontrare in essa la “Maronea” dei Sanniti: quartiere di tremila numidi di Annibale, assediata dal console Marcello nel 524 di Roma (a 212 a. C.) ed espugnata. Montefalcone, perciò, avrebbe avute le proprie origini dalla forte Maronea; senonchè i predetti autori -in una ai seguaci loro ed al pecorame degli imitatori che ripetono senza esame nè critica- non solo non sciolsero, ma non si proposero nemmeno il quesito se il grande cartaginese si fosse inoltrato nel versante sinistro del Biferno, e lo avesse perfino superato internandosi nel versante destro del Trigno. E la questione, forse, è tutta in ciò. Quelle muraglie possono essere, e sono anzi, vestigia certe di una antica località Sannitica (frentana senza dubbio), ignorata o non ancora identificata; ma dire che sia “Maronea” è per lo meno un’asserzione audace, sebbene la toponomastica dialettale con la voce “Marinera” autorizzi e conforti la congettura.
mmm

Montefalcone nel Sannio: foriticazione di monte Rocchetta/Marinera (?).

Questo era il giudizio di Masciotta ne “Il Molise dalle origini ai nostri giorni” ed.ne 1952, rist.pa 1985.
La < sindrome viteliu > aveva contagiato, a detta di Masciotta, Romanelli e Corcia; ma non solo, aveva contagiato, come scrisse, i loro seguaci ed il pecorame degli imitatori che ripetono senza esame nè critica- non solo non sciolsero, ma non si proposero nemmeno il quesito se il grande cartaginese si fosse inoltrato nel versante sinistro del Biferno.
Masciotta avrebbe potuto curare la < sindrome viteliu > se avesse consultato e pubblicato quanto tramandano le fonti classiche in merito alla presenza di Annibale in Italia; non lo ha fatto e la < sindrome viteliu > si è diffusa anche ai nostri giorni.
Nel Portale Turistico della regione Molise, alla Guida Turistica del Molise, per il comune di Montefalcone del Sannio si legge: […]. Proseguendo ancora lungo la S.S. 650 si incontra lo svincolo per Montefalcone del Sannio, identificata con la città sannita di Maronea, dove il console Marcello avrebbe assediato Annibale.
In un altro sito si legge CENNI STORICI Montefalcone nel Sannio avrebbe avuto origine da Maronea, località individuata sul monte La Rocchetta, Santuario-fortezza, recinta di mura poligone, abitata dagli osco-sanniti nei secoli VI, V e IV a.C. Lo storico romano Tito Livio cita negli Annales libri ab Urbe Condita,  Maronea come teatro di scontri e soste dell’esercito di Annibale in marcia verso Canne (216 a.C.). Ancora oggi sul monte La Rocchetta sono visibili resti di mura ciclopiche-pelasgiche.
Se Masciotta e gli altri autori avessero  con un po’ di buona volontà consultato lo storico latino (A.U.D., XXVII, 1), avrebbero scoperto che il console Marcello non aveva posto alcun assedio ad Annibale nella città di  Maronea e che la città non fu teatro di scontri e soste dell’esercito di Annibale in marcia verso Canne (216 a. C.).
Dall’agosto dell’anno 217 a. C. e per tutta la primavera dell’anno seguente (216 a. C.), Annibale aveva sostato a Gerione, presso l’odierna Casacalenda,  posto a sud-est di Montefalcone nel Sannio ed a confine con la Daunia; da lì trasferì il suo esercito a Canne dove avrebbe sconfitto l’esercito romano il 2 agosto 216 a. C..
Nell’anno 216 a. C., nulla era accaduto nei pressi di Maronea-Montefalcone del Sannio e né mai vi era stato da parte del console Marcello l’assedio ad Annibale.
Livio, per quanto accadde nell’anno 210 scrisse: “In Italia il console Marcello, dopo aver ripreso per tradimento Salapia, strappò con la forza ai Sanniti le città di Marmoree (Marmoreas) e di Mele (Meles). Qui furono sopraffatti circa tremila soldati di Annibale, che vi erano stati lasciati come guarnigione.
Marmoreas e  Meles erano state occupate dai Sanniti, ma quali Sanniti ?
Certamente non erano i Pentri, rimasti fedeli alleati di Roma dopo la sfortunata battaglia di Canne, ma passarono ai Cartaginesi, scrive Livio (XXII, 61) queste popolazioni: Campani, Atellani, Calatini, Irpini, parte dell’Apulia, i Sanniti tranne i Pentri, tutti i Bruzzi i Lucani, e oltre a questi gli Uzentini […]”.
Chi erano i Sanniti presenti nelle di città Marmoreas e Meles?
Non erano i Pentri, né gli Irpini, citati da Livio che li distinse dagli altri Sanniti; potremmo identificarli con i Frentani, con i Peligni, con i Marrucini, con i Piceni etc., consanguinei dei Pentri e degli Irpini per la comune origine Sabina/Sabella/Sannita.
E’ un errore identificare Marmoreas con Montefalcone nel Sannio di cui ancora si ignora l’antico nome, che si localizzava nel territorio dei Pentri, nei pressi del confine con i Frentani di Larino.
mmmm

Localizzazione (freccia rossa) di Montefalcone nel Sannio nel territorio dei Sanniti Pentri.

L’intervento del console Marcello avvenne dopo 6 anni dalla battaglia di Canne, nel territorio dei Dauni e con la riconquista della città di Salapia, la cui localizzazione permette di avanzare un’ipotesi per identificare Marmoreas e Meles con la località di Monte Marano, in territorio Irpino, posto al controllo della via Appia, e con Montemilone, nei pressi di Venosa, a confine dei territori dei Dauni e dei Lucani.
mmmm

Il territorio di Montemarano.

mmmmm

Il territorio di Montemilone.

Oreste Gentile.

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: