Archive for ottobre 2016

SAN FRANCESCO NELLA CITTA’ DI ISERNIA ?

ottobre 29, 2016

La notizia della presenza di san Francesco nella città di Isernia fu documentata da Ciarlanti, arciprete della cattedrale di Isernia, nella sua opera Memorie Historiche del Sannio (1644): Dopo ch’ebbe pigliato (san Francesco) molti luoghi nella Puglia, nel ritorno onorando di nuovo con la sua presenza queste parti, fondò altri tre (monasteri) nella Provincia di Benevento, cioè quello di Mirabella. Ovvero di Acqua putrida, di Avellino, e di S. Maria Oliveta nella Terra d’Apici, come afferma il Vandingo in detto anno. Indi giunto in Isernia anche vi fondò il Convento sotto l’invocazione di S. Stefano, secondo lo stesso Autore, ove etiandio al presente si vede una stanza, in cui dimorò per quel poco tempo. Che vi si trattenne. […]. Vi è anche la campana, che fu fatta nel 1259.

Come non credere all’arciprete Ciarlanti?

Ma, consultando il testo originale Annales Minor (1625-1654), di Lukas Wadding scopriamo che san Francesco non è mai stato nella città di Isernia, né vi fondò un monastero.

Wadding, scrisse:

w-1

Si legge: 1 San Francesco era in Puglia ed aveva visitato il santuario di San Michele. 2 Nei pressi di Benevento città nella provincia terrae laboris fondò un monastero presso Mirabello (Acquae pitridae), un altro ad Avellino ed il terzo a sancta Mariae Oliveta, presso l’odierna Apice. Successivamente san Francesco si trasferì presso oppido vici Albi e in oppido Apostae giunse a Eugubium (Gubbio), in Umbria città antica….. .

E la sua presenza ed il monastero nella città di Isernia ?

La città fu ignorata da san Francesco, visto che Vadding, prima che il santo giungesse al santuario di Monte Sant’Angelo, tramanda la sua presenza nell’odierna Mignano Monte Lungo, precisando che era adiacente a campis Venafranis (Venafro); successivamente il santo si trasferì a Maddaloni.

fr2Ci sono stati studiosi che hanno voluto “sfruttare” quanto scritto da Ciarlanti per testimoniare la nascita di papa Celestino V, al secolo Pietro di Angelerio nella città di Isernia, inventando l’incontro di san Francesco, presente nella città addirittura nel giorno di Pasqua del 3 aprile 1222: Il culto di S. Francesco fu molto in auge nell’età celestiniana. Secondo una tradizione si vuole che durante la venuta dell’assisiate in Isernia (1222, cfr. par. XVI e Ciarl., IV, 333) il Poverello avesse conosciuto fanciullo il futuro Celestino V il quale in quell’epoca aveva otto anni.

Altri hanno scritto: Era l’anno 1222: Francesco d’Assisi, di passaggio per Isernia, nota tra la folla che lo attornia e lo venera un bambino di poco più di sei anni. Gli si avvicina, gli sorride dolcemente, lo accarezza. Il bambino diventerà Papa: papa Celestino V.

Quanta poesia, quanta dolcezza in questa descrizione, ma la Storia è tutt’altra cosa.

L’inesattezza di Ciarlante è stata sfruttata da alcuni studiosi per accreditare alla città di Isernia sia la nascita di Pietro di Angelerio, sia un diverso anno di nascita da loro stimato essere il 1215, mentre le più antiche biografie tramandano l’anno 1209.

Sottraendo da 1222, anno della presenza in Isernia di san Francesco, gli 8 anni del fanciullo, si ottiene 1214; sottraendo da 1222 i più 6 o 7 anni del bambino, si ottiene 1216 o 1215.

Questo è quanto.

(nel blog vedi in merito altri articoli)

Oreste Gentile

 

Annunci

IL “CAMMINO DEI SAFINI”. LA NASCITA DELLA “PRIMA ITALIA”.

ottobre 11, 2016

Se non ci fosse l’UNIONE EUROPEA condurremmo tutti una vita noiosa e soprattutto sedentaria.

Grazie a questo lungo elenco di itinerari approvati il “cittadino europeo” ha la possibilità di intraprendere un lungo e salutare cammino ……………. !

Da La via micaelica: importanza di un itinerario europeo di Gabriele Tardio, si apprende:

Con sede a Lussemburgo, esso nasce per “dare attuazione al programma degli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa”. Le attività svolte da questa istituzione comprendono il sostegno agli enti che propongono progetti per l’analisi delle azioni e la ricerca di partner europei; l’applicazione delle priorità della politica del Consiglio d’Europa in materia di itinerari culturali; la vigilanza sulle evoluzioni delle espressioni della cultura e la consulenza a chi sia intenzionato a presentare progetti sull’evoluzione del turismo culturale.

Lista degli itinerari già selezionati dal consiglio d’Europa: I Cammini di pellegrinaggio: I Cammini di Santiago. La Via Francigena. Habitat rurale nei Pirenei. Le Vie di Mozart. L’ itinerario Schickhardt. L’itinerario dei Cistercensi.

La rete dei siti cluniacensi. I Celti. Le Rotte dei Vichinghi. L’ Itinerario Wenzel. L’Itinerario Vauban. L’Eredità Al-Andalus. Le rotte dei Sefaradi. Itinerari europei del patrimonio ebraico. La Rotta del ferro nei Pirenei. Le rotte dell’olivo. La Via Regia. Itinerari europei del patrimonio delle migrazioni. Le Transversales. Teatri della Gioventù. Centri d’arte. Le Rotte dei Fenici. Gli Zingari. L’Umanismo. Le Luci del Nord. Le Città europee delle Grandi Scoperte. Il Barocco. Le rotte europee della setta e del tessile. I riti e le feste popolari in Europa. Il Libro e lo Scritto. L’itinerario militari fortificate in Europa: Il progetto della Via Carolingia è nato per rispondere al bisogno di ricercare e trasmettere il senso di appartenenza ad una comunità più grande, quale è l’Europa, seguendo il percorso del viaggio (da Aquisgrana a Roma).

Alle Associazioni delle Regioni interessate e, soprattutto, a quelle presenti nella città di Bojano, considerando l’importanza ed il ruolo svolto dalla nostra città nel periodo della nascita dei popoli di origine safina/sabina/sabella/sannita (vera sacrum), si offre l’occasione di proporre il cammino dei SAFINI che permise la nascita della Prima Italia.

il-cammino-dei-safini

Le regioni interessate dal percorso: MARCHE con la provincia di Ascoli Piceno; LAZIO con la provincia di Rieti; ABRUZZO con il suo territorio; il MOLISE con il suo territorio; CAMPANIA con le province di Benevento e di Avellino e la BASILICATA con i territori che a nord confinano con la Campania e la Puglia.

Tutti i territori interessati sono ricchi di Storia e di cospicue emergenze archeologiche: le necropoli, i santuari, i teatri.

I musei presenti nelle città e nei piccoli centri permettono di ammirare quanto seppero realizzare i popoli della cosiddetta Prima Italia: armi, monili maschili e femminili, monete e suppellettili in ceramica etc., etc..

Le Associazioni ed i burocrati non perdano l’occasione di proporre un itinerario quanto mai CULTURALE e salutare.

 

Oreste Gentile.