LE “TAVOLE EUGUBINE” e LA “TAVOLA OSCA” di CAPRACOTTA/AGNONE SCRITTE DAI SOLDATI DI ANNIBALE

Prima che dall’anno 2012 si diffondesse la < sindrome viteliù >, dall’anno 1990 nel Molise si era diffusa la       < sindrome battaglia di Canne > che modificava radicalmente le nostre conoscenze: la battaglia di Canne, che TUTTE le fonti classiche hanno sempre ricordato avvenuta presso il fiume Ofanto in territorio Dauno, sarebbe avvenuta presso il fiume Fortore in territorio Pentro; la millenaria cultura del popolo dei Pentri sarebbe stata influenzata dalla presenza dei disertori dell’esercito Cartaginese in cui erano presenti mercenari: iberici, celti, i frombolieri delle Baleari, i cavalieri Numidi, gli Spagnoli e gli Africani.

Questo preambolo è utile per esaminare quanto è stato illustrato da un articolo/intervista di un noto quotidiano molisano pubblicato il 29 aprile u. s. .

Nella pagina dedicata ad Agnone Alto Molise, si afferma che i templi edificati dai PENTRI, popolazione di origine (XI-IX sec. a. C.), Safina/Sabina/Sabella/Sannita furono costruiti da maestranze punico-molisani, del II sec. a. C. e che La Tavola (detta osca trovata nel territorio di Capracotta, n. d. r.), evidenzia la stessa in-congruenza del toro-bue e dei templi così detti italici, in verità punico-molisani, del II sec. a. C.: si costruiscono dopo che il Sannio è stato distrutto e soggiogato, non quando era libero e potente capace di esprimere autonomamente la propria religiosità, la propria cultura e la propria civiltà.

In verità, i più importanti templi scoperti in alcuni centri del territorio dei PENTRI, restaurati e studiati, testimoniano che:

VENAFRO esisteva un santuario frequentato già dal IV sec. a. C..

VASTOGIRARDI, Il tempio fu costruito tra il 130-120 a.C..

mmmm

PIETRABBONDANTE, nella seconda metà del IV sec. a. C. iniziò la frequentazione del santuario per diventare nei secoli successivi e fino alla disfatta degli Italici nella guerra sociale (I sec. a. C.) il loro luogo di culto preminente.

 

SCHIAVI D’ABRUZZO: Il santuario presenta due grandi fasi edilizie: alla prima, da porsi alla fine del III o agli inizi del II sec. a.C., […] appartiene il tempio maggiore; alla seconda fase, risalente agli inizi del I sec. a.C., da riferirsi una ristrutturazione che ha comportato l’ampiamento dell’area sacra, con conseguente innalzamento del livello pavimentale, per la costruzione di un secondo tempio con relativo altare.

CAMPOCHIARO, la frequentazione del santuario è testimoniata da materiale votivo datato seconda metà del IV-prima metà del III sec. a. C..

SEPINO, il santuario ebbe vita molto lunga, come documentano i reperti che si datano tra il IV secolo a.C. ed il V secolo d.C.. Tali reperti si riferiscono alle pratiche di culto che avvenivano nel santuario ed alle attività connesse con il santuario stesso, inteso sia come luogo di preghiera che come luogo in cui si favorivano e si facilitavano incontri e scambi. I materiali più antichi sono prevalenti rispetto a quelli più recenti; da essi si ricava che il periodo di massima frequentazione del santuario fu l’epoca sannitica, tra il III ed il II secolo a.C.. (vedi figura ).   

L’area del santuario

SAN GIOVANNI IN GALDO, una frequentazione cultuale è attestata, dal materiale votivo, già alla fine del III-inizi del II secolo a.C. precedente quindi alla sistemazione monumentale che è da datare tra la fine del II e l’inizio del I secolo a.C. e continua fino al III secolo d.C. quando si avrà l’abbandono definitivo dell’area. (vedi figura).

L’area del tempio.

 Quanto esaminato e divulgato dalla Soprintendenza Archeologica del Molise, SMENTISCE l’affermazione: templi così detti italici, in verità punico-molisani, del II sec. a. C.: si costruiscono dopo che il Sannio è stato distrutto e soggiogato, non quando era libero e potente capace di esprimere autonomamente la propria religiosità, la propria cultura e la propria civiltà, NON CORRISPONDE ALLA VERITA’ STORICA E ARCHEOLOGICA.

Ma quali templi punico-molisani !

Il popolo dei PENTRI, dopo la definitiva conquista da parte dei Romani della loro città madre, la capitale Bovaianom nell’anno 305 a. C., godevano di “sovranità limitata”, ma persero i territori pertinenti alla praefectura di Venafrum (anno 290 a. C. ?) e alla colonia latina di Aesernia, istituita nell’anno 263 a. C..

I punici e i molisani costruirono i templi così detti italici ?

I punici militavano in un esercito che, alleato con alcune delle popolazioni cosiddette italiche, fatta eccezione dei PENTRI, avevano un unico scopo: abbattere il potere di Roma; i molisani solo dall’anno 1142 sarebbero stati protagonisti nella STORIA.

La STORIA ricorda nell’anno 218 a. C. il passaggio delle Alpi da parte dell’esercito di Annibale e la sua presenza in Italia si protrasse fino all’anno 204 a. C. (totale circa 14 anni), quando fu richiamato in Africa.

TUTTE le fonti antiche, ricordando i percorsi dell’esercito cartaginese in lungo e in largo per la penisola italica, non documentano la sua presenza nel territorio dei PENTRI, infatti è sempre bene ricordare, fu l’unica popolazione di stirpe Safina/Sabina/Sabella/Sannita fedele alleata di ROMA. (vedi figure. Per saperne di più, articolo Annibale nel territorio dei Sanniti/Pentri ? in molise2000.wordpress.com).

 Gli itinerari dell’esercito cartaginesi tramandati da Tito Livio hanno sempre escluso il territorio dei PENTRI. (vedi figure).

Come i punici avrebbero potuto costruito dei templi in un territorio che MAI avevano attraversato e MAI avrebbe dato loro ospitalità per essere stati, i PENTRI, sempre ostili nei loro confronti ?

E’ a dir poco DELIRANTE quanto si legge nell’artico/intervista: […]. Il che fa pensare (dopo un lungo preambolo dell’intervistatore che probabilmente IGNORA la STORIA, n. d. r.) che a redigere le Tavole (TblH) siano stati gli uomini di Annibale, quelli rimasti nel Sannio dopo la battaglia di Canne (216 a. C.), quelli che non hanno voluto o potuto seguire il Comandante nell’avventura di Capua: gli stessi che avevano dato una mano nella stesura delle Tavole Eugubine, anch’esse successive al periodo della battaglia del Trasimeno (217 a. C.), come le critica più avveduta sembra orientata ad ammettere grazie all’esegesi linguistica.

L’esercito di Annibale aveva vinto a Canne e giudico impossibile, sulla base degli Storici di ogni epoca, che i vincitori non hanno voluto o potuto seguire il Comandante nell’avventura di Capua: quanto mai nella Storia di tutte le  guerre sono i vincitori ad abbandore il loro esercito vincitore ?  (scusate il gioco di parole).

Dopo lo scontro vittorioso di Canne, l’esercito di Annibale spadroneggiava nei territori dell’Italia meridionale, ma non nel territorio dei PENTRI; addirittura si arricchì dell’alleanza con: CampaniAtellaniCalatini, i Bruzzi, i Lucani, gli Uzentini, i Tarentini, quei di Metaponto, i Crotonesi, i Locresi e tutti i Galli cisalpini.

Se ci siano stati disertori, la Storia ricorda quelli presenti nell’esercito romano sconfitto.

Livio scrisse: tuttavia, né le disfatte,  le defezioni degli alleati ebbero la forza di spingere i Romani a pronunciare in nessun luogo mai la benchè minima parola di pace.

L’esercito di Annibale era composto prevalentemente da mercenari il cui unico scopo era il bottino che spettava loro dopo ogni la vittoria.

Con la vittoria dell’Aufido-Ofanto, Tito Livio scrisse: Cartaginesi raccolsero qui un’ingente preda. Al di fuori dei cavalli e degli uomini e di quella quantità d’argento che si trovava nel campo, tutto il resto fu abbandonato al saccheggio !

Per saccheggio s’intende quell’azione militare che mira a depredare e ad acquisire bottino portando allo stesso tempo lo scompiglio e la distruzione, altro che non hanno voluto o potuto seguire il Comandante nell’avventura di Capua, come riferisce l’articolo/intervista.

Romani e i fedeli alleati Pentri avrebbero permesso che nel loro territorio fossero ospitati dei nemici che, invece di nascondersi, si accoppiassero con le loro donne e si dedicassero alla stesura del testo della Tavola osca di Capracotta/Agnone, dopo avere già scritto: le Tavole Eugubine, anch’esse successive al periodo della battaglia del Trasimeno (217 a. C.) ?

E’ bene ricordare che il territorio dei PENTRI, l’unica popolazione italica rimasta fedele alleata di Roma, la separava dai territori degli Apuli e degli Irpini dove spadroneggiava” l’esercito vincitore di Annibale in attesa di conquistare la città di Capua.

Tito Livio ricordò la presenza di un accampamento dell’esercito romano nei pressi di Bovianum/Bojano, capitale dei PENTRI: Notizie di tutte queste cose come si erano svolte giunse ai Beneventani, che mandarono subito dieci messi ai consoli che avevano il campo nei dintorni di Boviano.

Per coloro che IGNORANO quando furono “incise” la Tavola osca e le Tavole Egubine, è bene precisare: la prima fu rinvenuta in località Fonte del Romito, […], forse la più importante testimonianza dell’osco sannitico: si tratta di una tavola di bronzo (cm. 28 x 16,5), datata al 250 a. C. circa e attualmente conservata presso il British Museum di Londra, su cui sono presenti iscrizioni in lingua osca che citano 17 divinità sannitiche connesse con riti agrari.

Le seconde, Tavole Eugubine/Iguvine sono sette tavole di bronzo, […], alcune in alfabeto etrusco, altre in alfabeto latino contenenti un testo in lingua umbra, che è il più importante documento per lo studio della lingua e della civiltà umbre. Risalgono in parte al 3°, in parte al 2° sec. a.C., ma la redazione del testo originale è assai più antica. Contengono descrizioni di sacrifici e statuti di una confraternita sacerdotale, che è detta dei fratelli Atiedi. (Enc.dia Treccani).

Le due citazioni bibliografiche SMENTISCONO CLAMOROSAMENTE che a redigere le Tavole (TblH) siano stati gli uomini di Annibale, quelli rimasti nel Sannio dopo la battaglia di Canne (216 a. C.), quelli che non hanno voluto o potuto seguire il Comandante nell’avventura di Capua: gli stessi che avevano dato una mano nella stesura delle Tavole Eugubine, anch’esse successive al periodo della battaglia del Trasimeno (217 a. C.), come le critica più avveduta sembra orientata ad ammettere grazie all’esegesi linguistica.

Come potevano gli uomini di Annibale, quelli rimasti nel Sannio dopo la battaglia di Canne (216 a. C.), quelli che non hanno voluto o potuto seguire il Comandante nell’avventura di Capua incidere la Tavola osca di Capracotta/Agnone se è stata stimata dell’anno 250 a. C. circa ?

Come potevano gli uomini di Annibale, quelli rimasti nel Sannio dopo la battaglia di Canne (216 a. C.), quelli che non hanno voluto o potuto seguire il Comandante nell’avventura di Capua incidere le Tavole Eugubine se risalgono in parte al 3°, in parte al 2° sec. a.C., ma la redazione del testo originale è assai più antica ?

Invocare l’esegesi linguistica è stato quanto mai inopportuno: ammesso (e non concesso, recitava Totò) che i soldati Cartaginesi e i loro mercenari sapessero scrivere l’etrusco,  l’osco e il latino, come avrebbero redatto i testi delle 2 Tavole visto il loro arrivo in Italia nell’ anno 218 a. C., mentre la Tavola osca fu incisa nell’ anno 250 a. C. circa e le Tavole Eugubine in parte nel III sec. a. C., in parte nel II sec. a. C., tenendo ben presente che la redazione del testo originale è assai più antica e risalirebbe forse al I millennio a. C. ?

L’artico/intervista offre al lettore un’altra perla: Forse, anche la continuità con il passato, se Capracotta è l’antica Cominium sannita, Carovilli, l’introvabile Aquilonia e Pietrabbondante, la Bovianum vetus.

Fortuna per noi, l’articolo/intervista ha termine, altrimenti l’intervistato avrebbe stravolto tutta la Storia antica e localizzato nel territorio dell’Alto Molise, all’epoca territorio dei Pentri, per la gioia di chi è stato influenzato dalla < sindrome viteliù >, anche le località ancora IGNOTE di Volana, Herculanea e Palumbinum, mentre il restante territorio sarebbe stato una inospitale zona deserta ! (vedi figura).

Il territorio dei Sanniti/Pentri (nei confini gialli)

Oreste Gentile.

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: